Gli struffoli, quando la dolcezza diventa poesia

Tempo di Lettura: 1 minuto

I deliziosi struffoli napoletani sicuramente nei  primi posti tra’  dolci consumati nel periodo natalizio  Semplici quelli preparati secondo la  tradizione cioe’ con il miele e i diavolini oppure stravaganti  con il cioccolato nero o il cioccolimone (ne abbiamo rivelato! la ricetta qualche giorno fa’ da qui’ ), sono il simbolo indiscusso delle feste.

Ci siamo permessi di riportare un’ antico ritornello dedicato proprio a questo dolce cosi’ speciale, una vera poesia per il palato e non solo..

A fa ‘e struffoli è nu sfizio.

Cumminciamm dall’inizio:

faje na pasta sopraffina,

e po’ tagliala a palline,

cu na bona nfarinata.

Dopp’a frje. Già t’e stancate?

Chest è a parte chiù importante!

Mò ce vo’: miele abbondante

e na granda cucuzzata

(la zucca  zuccherata).

Promediacom - Agenzia Comunicazione

N’è fernuto ancora, aspiette!

S’anna mettere ‘e cunfiette:

aggrazziate, piccerille,

culurate: ‘e diavulille…

Ma qua nfierno, è Paraviso!

Iamme, falle nu’ surriso!

Comme dice? “Mamma mia,

stanne troppi ccalurie

so’ pesante, fanno male?”

Si va buò,ma è Natale!

Hai già pensato a cosa preparare per la tavola di Natale ??


Leggi anche: Vacanza a Capri, le offerte last minute per hotel e b&b

loading…




 

Gli struffoli, quando la dolcezza diventa poesia ultima modifica: 2011-12-20T08:59:19+00:00 da Louis Molino