“A canzone e Capri” scritta da Aniello Califano (inedito)

Tempo di Lettura: 1 minuto

a canzone e capri

Inedita interpretazione del tenore Raffaele Balsamo del brano scritto dal poeta  Aniello Califano e musicata dal maestro Falvo pubblicata nel 1915  e dedicata all’ isola dei Faraglioni

 

Tante sono le melodie che hanno tratto ispirazione dall’ isola di Capri, oggi rispolveriamo un vecchio disco “A Canzone e Capri”

Opera del maestoso poeta di inizio 900  Aniello Califano  “A Canzone e Capri”
Nella Piedigrotta Gennarelli del 1915, come ci ricorda Pietro Gargano nella sua Nuova Enciclopedia Illustrata della canzone napoletana, fu scritta una dedica per Aniello Califano che recita così: “Gode dell’obiquità di Sant’Antonio. Può nel medesimo tempo trovarsi nel Paradiso e nell’Inferno, può contrattare con Dio e col Diavolo, può amare due donne con la stessa intensità e può sciogliere il suo inno a due luoghi incantati, Sorrento e Capri, con la medesima commozione…”.

Prendiamo spunto da queste frasi per dare inizio a questo rispolvero di questo rarissimo disco  ‘A canzone ‘e Capri, poesia di Califano musicata dal maestro Rodolfo Falvo e pubblicata nel 1915 da La Canzonetta, dedicata a Donna Bianca Bovio, moglie del grande poeta. A interpretare la versione di cui vi proponiamo l’ascolto, l’unica presente è Raffaele Balsamo di cui purtroppo non siamo riusciti a trovare notizie precise.
Per ascoltare il brano basta cliccare sul player in rosso:



Leggi anche: Vacanza a Capri, le offerte last minute per hotel e b&b

loading…




 

“A canzone e Capri” scritta da Aniello Califano (inedito) ultima modifica: 2014-07-30T17:51:06+00:00 da Louis Molino