Il centro multimediale Mario Cacace di Anacapri video di Salvatore Vivo

centro multimediale anacapri Da qualche giorno ad Anacapri un esempio di  buona amministrazione, il nuovo centro multimediale dedicato alla memoria di Mario Cacace un moderno centro d’avanguardia, completamente attrezzato delle più avanzate tecnologie informatiche che custodiscono al loro interno la storia dell’isola. Articolo estratto dalla testata Capripress a firma della giornalista Annamaria Boniello, video del reporter anacaprese Salvatore Vivo
Anacapri. Nessuno poteva immaginare che il sindaco Franco Cerrotta, a distanza di poco più di un anno dall’incendio di vaste proporzioni che devastò i locali scelti per ospitare nello storico complesso dell’Eden Paradiso il primo centro multimediale dell’isola, avrebbe inaugurato il complesso per regalare ai suoi concittadini e all’isola intera un moderno centro d’avanguardia, completamente attrezzato delle più avanzate tecnologie informatiche che custodiscono al loro interno la storia dell’isola. Documenti rari, dipinti d’epoca, stampe, testimonianze di un passato antico e recente che l’amministrazione comunale di Anacapri, con l’aiuto di alcuni privati, è riuscita a trasferire in una rete informatica e digitalizzata. E la sala secondo una scelta voluta dall’amministrazione dovrà diventare il primo centro di aggregazione di residenti, turisti e giovani perché, come ha detto il sindaco, “questo centro è fortemente dedicato a loro, alle loro attività, alla loro crescita culturale e sociale”. E a sottolineare ancora più il legame e la forte caratterizzazione col territorio è stata la scelta del nome che il sindaco e gli amministratori hanno voluto dare alla struttura: quello di Mario Cacace, l’imprenditore-albergatore anacaprese scomparso nel 1975, primo a intuire le grandi trasformazioni che si affacciavano all’orizzonte negli anni Sessanta tanto che affidò il restyling del suo albergo, la “Locanda Mariantonia”, a un architetto d’avanguardia, Gianfranco Frattini, e trasformò il nome in “Europa Palace” intuendo i nuovi orizzonti che si aprivano anche per Anacapri nel mercato turistico dell’epoca. Una filosofia che continua anche con il figlio Tonino che ha raccolto il testimone e porta avanti la trasformazione iniziata dal suo padre e che ieri traspariva anche nelle parole del sindaco quando ha letto la lapide scritta dall’amministrazione comunale che ha fortemente, ha detto Cerrotta, “voluto intitolare questo centro a Mario Cacace, pioniere dello sviluppo della sua terra, imprenditore coraggioso e lungimirante, che operò per la crescita socio-culturale, civile ed economica di Anacapri”. Un mix di orgoglio ed emozione ha caratterizzato la giornata dell’apertura del primo centro multimediale non solo di Anacapri ma dell’isola intera e che va ad aggiungersi alla struttura che si trova nella piazzetta Cerio, nel cuore del centro antico, con la sala-cinema-teatro Paradiso. I locali aperti ieri sono dotati di tutti gli strumenti della comunicazione rivolti alle diverse fasce d’età e all’interno saranno anche previsti corsi di alfabetizzazione e informatica per gli anziani. Nel centro è presente una sala di nuova generazione composta di 75 posti, una videoteca dotata di video-wall composta da 9 schermi da 55 pollici, mentre la sala multimediale è dotata di 16 pc collegati a internet per consentire agli utenti di effettuare ricerche sul web e accedere a quotidiani online. E’ già possibile accedere alla visione di foto, dipinti e testi importanti relativi all’isola di Capri; è ancora in corso e continuerà per un periodo la catalogazione di documenti digitali di proprietà dell’amministrazione comunale e tra qualche giorno sarà possibile collegarsi da casa per visionare i primi contenuti già inseriti tramite un link che verrà pubblicato sul portale ufficiale del Comune di Anacapri. Anna Maria Boniello - CAPRIPRESS  
Video del  reporter anacaprese  Salvatore Vivo commento di Livia Giuntino
Il centro multimediale Mario Cacace di Anacapri video di Salvatore Vivo ultima modifica: 2014-02-03T14:02:14+00:00 da Louis Molino