Capri. Il nipote di Pablo Neruda si stupisce per l’accoglienza e dedica alla comunità caprese una poesia

Tempo di Lettura: 2 minuto

Da Capri Louis Molino –  Rodolfo Reyes  il nipote del grande poeta  e diplomatico cileno Pablo Neruda che lo scorso Aprile visitò  l’isola dei Faraglioni ha voluto  dedicare alla  Comunità caprese e a Capri, l’isola che lo stupito per l’accoglienza ricevuta e  incantato per  sue straordinarie Bellezze naturali al  pari del suo illustre zio Pablo Neruda, all’indomani della sua partenza, una meravigliosa poesia tramite  l’addetto stampa della Città di Capri il giornalista  Luciano Garofano che tanto si é prodigato per combinare gli incontri dello scorso Aprile.

 ” E come lo zio Pablo.. mi scrive, la lingua non sarà un impedimento

CAPRI ISOLA BELLA

Capri…ccio della natura abbellita dal mare.
I tuoi occhi di acque cristalline circondano graziosamente
le scogliere, e ad ogni angolo nascono
i suoi nidi di case bianche alate,
che sembrano volare come gabbiani liberi.

Per la pubblicità su Caprinotizie: Promediacom 

Il tuo velo di principessa della Roccia,
copre di verde intensi la sua chioma
Che cade come una cascata incantata,
che cerca di afferrare il mare.

Nelle tue acque la furia dell’oceano,
Impedisce a Nettuno di toccare i suoi scogli
e, sono i giganti di granito che alla luna
piena danzano con le sirene
aggirando l’isola, catturando il marinaio
avido di passione con le reti dell’amore.

La fragranza dei fiori
profuma ogni angolo delle tue stradine,
che sono sospese come rondini rocciose,
e ogni colore, cambia con la pioggia,
permettendo al sole di impreziosire di rubino
le tue acque verde smeraldo, formando
un amalgama di pietre preziose.

Il viaggiatore desidera sempre portare via con sé
il gioiello più bello,
ma sa che questo rimarrà a Capri,
e che il tesoro più grande è il mare azzurro,
la sua Isola e le sue case bianche di gabbiani…

Oh! …Isola capricciosa dell’Eden, staccata dal Paradiso,
che la Madre Roccia ha consentito di lasciare
Alle cure dei suoi tre faraglioni guerrieri,
e a cantare dell’incanto delle sue sirene.

Ti ricorderò per sempre,
in ogni goccia di pioggia,
in ogni profumo di fiori
all’alba della mia primavera
Capri, Isola dell’amore.

Di Rodolfo Reyes, Aprile 2017

(Traduzione dallo spagnolo di Giorgio Faiella)

Leggi anche: Vacanza a Capri, le offerte last minute per hotel e b&b

loading…




 

Capri. Il nipote di Pablo Neruda si stupisce per l’accoglienza e dedica alla comunità caprese una poesia ultima modifica: 2017-06-28T17:25:09+00:00 da Louis Molino