Sanremo 2019: Le 15 canzoni di Peppino di Capri presentate al Festival della canzone italiana di tutti i tempi

Tempo di Lettura: 4 minuto

Sanremo 1992 :  Favola Blues

Un duetto di gran classe  di Peppino di Capri insieme a Pietra Montecorvino una canzone dedicata al mare e all’ estate, la canzone conquisto il 14° posto

Sanremo 1995:  Ma che ne sai se non hai fatto il piano bar

Peppino di Capri e il Trio Melody  cioè i simpaticissimi Gigi Proietti, Peppino Di Capri e Stefano Palatresi a rallegrare il festival dei fiorni, la canzone si classificò al 13° posto 

Sanremo 2001:  Pioverà

Peppino di Capri esprime in questo sanremo un canzone nuova ma di un fascino senza tempo, un tema delicato espresso  con una classe indiscutibile, una canzone che, rispetto a molto del suo repertorio, è moderna: ” Un extracomunitario “tra i pomodori” pensa alla sua donna lontana che ha dovuto lasciare e le dice “Habibi ene'” (in arabo “Amore mio”) ho il sogno di tornare ma non posso perché devo guadagnare. Torna di attualità anche a Sanremo il tema dell’emigrazione: quarant’anni fa all’Ariston si cantava la malinconia dell’italiano costretto, valigia di cartone alla mano, ad andare in America. Oggi protagonista è il nordafricano

Sanremo 2005:  La Panchina

E’ il 2005 quando  Peppino Di Capri,  all’anagrafe, si presenta al 55° Festival di Sanremo con “La panchina”, tenero brano rivolto agli anziani ed alla loro solitudine fatta di ricordi del passato. Il brano è scritto a sei mani, infatti, con lo stesso artista partenopeo collaborano Depsa, nome d’arte di Salvatore De Pasquale e Cristian Piccinelli.Peppino oltre alla tecnica mette a servizio della canzone una interpretazione intensa e, come sempre, elegante che rendono questo pezzo un piccolo gioiello. Al Festival, “La panchina”, approderà alla finale.

Leggi anche: Vacanza a Capri, le offerte last minute per hotel e b&b

loading…




 

Sanremo 2019: Le 15 canzoni di Peppino di Capri presentate al Festival della canzone italiana di tutti i tempi ultima modifica: 2019-02-05T14:05:57+02:00 da Louis Molino