Pablo Neruda: I versi del poeta che decanta le stagioni di Capri in “Chioma di Capri”

Tempo di Lettura: 2 minuto

Da Capri Louis Molino –  L’iscrizione scolpita sul marmo e incastonata nella roccia, si proprio quella roccia così tanto decantata  nelle opere dal grande Pablo Neruda accoglie il viaggiatore nei sentieri della stradina che porta ai Faraglioni,  una bellezza naturale fantastica, che favorisce, allo stesso tempo ispirazione per amore e letteratura ma anche immaginazione stimolando attimi per  piccole o grandi  meditazioni.

Chioma di Capri – Neruda

La lirica appartiene a “La patria del racimo”, settima sezione (interamente dedicata all’Italia) di Las uvas y el viento. L’isola di Capri, dove il poeta soggiornò insieme a Matilde Urrutia dal gennaio al giugno 1952, è sentita dal poeta come una gemma solitaria, un prodigio naturale, un calice di liquide trasparenze elevato al cielo. Neruda coglie perfettamente ciò che è Capri, un’isola meravigliosa in un mare di problemi i quali attanagliano questa terra che ,però, non smette mai di stupire per le sue risorse..

 

Per la pubblicità su Caprinotizie: Promediacom 

Poesia di Pablo Neruda  Chioma di Capri
Capri, regina di rocce,
nel tuo vestito
color giglio e amaranto
son vissuto per svolgere
dolore e gioia, la vigna
di grappoli abbaglianti
conquistati nel mondo,
il trepido tesoro
d’aroma e di capelli,
lampada zenitale, rosa espansa,
arnia del mio pianeta.

Vi sbarcai in inverno.
La veste di zaffiro
custodiva ai suoi piedi,
e nuda sorgeva in vapori
di cattedrale marina.
Una bellezza di pietra. In ogni
scheggia della sua pelle rinverdiva
la primavera pura
che celava un tesoro tra le crepe.
Un lampo rosso e giallo
sotto la luce tersa
giaceva sonnolento
aspettando
di scatenare la sua forza.
Sulla riva di uccelli immobili,
in mezzo al cielo,
un grido rauco, il vento
e la schiuma indicibile.
D’argento e pietra è la tua veste, appena
erompe il fiore azzurro a ricamare
il manto irsuto
col suo sangue celeste.
Solitaria Capri, vino
di chicchi d’argento,
calice d’inverno, pieno
di fermento invisibile,
alzai la tua fermezza,
la tua luce soave, le tue forme,
e il tuo alcol di stella
bevvi come se adagio
nascesse in me la vita.

Isola, dai tuoi muri
ho colto il piccolo fiore notturno
e lo serbo sul petto.
E dal mare, girando intorno a te,
ho fatto un anello d’acqua
che è rimasto sulle onde
a cingere le torri orgogliose
di pietra fiorita,
le cime spaccate
che ressero il mio amore
e serberanno con mani implacabili
l’impronta dei miei baci.

Leggi anche: Vacanza a Capri, le offerte last minute per hotel e b&b

loading…




 

Pablo Neruda: I versi del poeta che decanta le stagioni di Capri in “Chioma di Capri” ultima modifica: 2017-03-23T14:33:27+00:00 da Louis Molino